I NUMERI E LA SFIGA
Il 17 e il 13: numeri potenti, amati e temuti

I NUMERI E LA SFIGA
Il 17 e il 13: numeri potenti, amati e temuti


Avete mai sentito parlare di Eptacaidecafobia? Niente paura, non è una malattia infettiva, nè una parolaccia. E' solo la "paura" del numero 17, una fobia che, stando agli esperti, ha origini antichissime e condivise da diverse culture.

Le notizie più antiche relative al binomio 17= sfiga, risalgono all'antica Grecia. Per i pitagorici, il 17 era un numero da evitare in quanto era compreso tra il 16 e il 18, considerati al contrario numeri perfetti.
Nella tradizione ebraica, invece, il rapporto con il numero 17 è alquanto controverso. Nell’antico testamento si dice che il diluvio universale avrebbe avuto inizio proprio un 17. Di contro, invece, nella Cabala è un numero benefico, poiché è il risultato della somma numerica delle lettere ebraiche tet (9) + waw (6) + beth (2), che lette nell’ordine danno la parola tov “buono, bene”.
Antipatia per il numero 17 anche presso gli antichi Romani. In questo caso il collegamento 17=sfortuna è legato a motivi militari. Nel 9 d.C. durante la battaglia di Teutoburgo, combattuta contro i Germani, l'Impero perse le legioni 17, 18 e 19.
Altra legame tra sfortuna e 17, presso i latini era quello dovuto alla scritta che spesso si metteva sulle tombe dei defunti. La scritta era VIXI, ovvero "ho vissuto", quindi "ora sono morto". L'anagrama di VIXI e XVII.
Per finire, la visione negativa del numero 17 si è mantenuta fino ai giorni nostri anche grazie alla Smorfia Napoletana.
Nel dizionario dei numeri del Lotto, il 17 è sinonimo di disgrazia.

Altro numero guardato con diffidenza, un po' ovunque, è il 13.
A dire il vero, questo numero, è considerato da alcuni popoli un numero fortunato, da altri un numero legato alla sfortuna.
Anche nella nostra cultura la sua lettura è ambigua. Di solito viene ritenuto un numero fortunato, ma guai ad essere 13 a tavola! Cerchiamo di vedere perché.
Il 13 a tavola è considerato di cattivo auspicio, perché durante l'Ultima cena sedevano al banchetto 13 persone: Gesù più i 12 apostoli. Quindi il 13 è legato alla morte per supplizio, causata dal tradimento di un amico.

Anche gli Scandinavi, guardano al 13 con paura.
Questo numero è infatti legato al Dio Loki, una divinità capace di grandi crudeltà verso gli uomini. Secondo il mito, l'Olimpo scandinavo era composto da 12 semidei, poi arrivò appunto Loki, il semidio capace di cattiveria.

Sfortuna amplificata se il 17 e il 13 sono legati a determinati giorni della settimana.
Stiamo parlando del martedì e del venerdì.
Il martedì era considerato giorno infausto presso i romani. Questo perché legato al Dio Marte, Dio della Guerra.
La visione negativa del venerdì, invece è legata a motivi religiosi. Gesù Cristo è infatti morto in croce di venerdì.
Una questione di credo e di cultura, dunque, visto che, invece, presso le popolazioni islamiche il venerdì è il giorno sacro, al pari della nostra domenica.





CARTOMANZIA ON LINE,TUTTI I GIORNI DALLE 08:00 ALLE 24:00, CHIAMA ORA PER QUALSIASI DOMANDA SU:


AMORE TRADIMENTO LAVORO FAMIGLIA GIOCO ENERGIA POSITIVA

Per qualsiasi richiesta e informazione contatta il centralino, risponderemo a tutte le tue domande, il costo è quello di una telefonata urbana,
CHIAMACI SUBITO ALLO 075-394818

oppure contattaci via email, trovi il form in fondo a questa pagina

SE NON VUOI, l’addebito sulla carta di credito e vuoi tenere sotto controllo la tua spesa, oppure vuoi restare in completo anonimato componi dal tuo telefono il numero
899.48.43.54 al costo di 98 cents al minuto IVA compresa,
servizio offerto da MPV ITALIA SRL srl costo massimo €15 a telefonata durata 15:25 minuti


Chiami dalla SVIZZERA? Componi dal tuo telefono il numero 0901.00.15.15, il costo è di 1,30 Franchi Svizzeri al minuto durata massima 60 minuti




Chiamaci subito per